• Cittadella della Carità “Evangelii Gaudium”
    Via S. Pasquale, 11 Benevento 82100
    Tel. 0824-25.508
    segreteriacaritas@diocesidibenevento.it
    Ufficio Stampa e Comunicazione Caritas
    comunicazionecaritas@diocesidibenevento.it
  • Segreteria:
    dalle 9.30 alle 12.30

    Front office:
    dalle 9.30 alle 12.30
  • 15 novembre 2020 – 4°giornata dei poveri

    “Tendi la tua mano al povero” (Sir 7,32). Con le parole dell’antico libro del Siracide, Papa
    Francesco propone la sua riflessione per la IV Giornata Mondiale dei Poveri che si celebrerà in
    tutta la Chiesa Domenica 15 Novembre p.v.
    È un Messaggio che entra direttamente nel drammatico momento che il mondo intero ha
    vissuto a causa del Covid-19, e che molti Paesi stanno ancora combattendo nella fatica di portare
    soccorso a quanti sono vittime innocenti.
    La pandemia ci ha scossi e messi in discussione, evidenziando una fragilità universale:
    siamo tutti poveri sotto questo cielo. La povertà è il tratto distintivo del nostro essere uomini e
    donne del terzo millennio; la solidarietà e la compassione sono l’unica strada percorribile per
    riumanizzare questa società.
    La lettera che il Santo Padre ci ha scritto in preparazione alla giornata, è un chiaro invito alla concretezza
    evangelica e contiene preziosi stimoli di riflessione, provocazioni che invitano alla conversione verso una
    fede sempre più incarnata e concreta.
    • La prima indicazione è che preghiera e solidarietà, culto e carità, sono inseparabili. Non esiste culto
    gradito a Dio che non apra il cuore del credente e non porti all’attenzione al povero. Un culto che è
    fine a se stesso è sterile e non conduce a Dio. Nel servizio al povero e nella condivisione dobbiamo
    trovare le radici della nostra identità cristiana.
    • La seconda indicazione è che la Carità è il respiro del cristiano, sta nel suo battito cardiaco, circola
    nelle sue vene. Non è qualcosa da fare, a cui dedicare «del tempo», ma una dimensione
    esistenziale permanente. Il cristiano è chiamato ad essere carità, non a fare carità: ciò apre una
    riflessione su come gestiamo i nostri beni, su come le nostre famiglie riescano ad aprirsi a chi è nel
    bisogno, a come ci sforziamo di seminare Speranza intorno a noi.
    • La terza indicazione è che la Carità non è delegabile ad altri o “ad alcuni di noi”, ma interpella
    l’intera Comunità dei credenti, in ciascun suo membro e nell’assemblea. Le nostre comunità sono
    chiamate a mettere al centro della loro vita proprio le fragilità dell’umano; a stringersi attorno a
    quanti vivono la prova della sofferenza, della malattia, del fallimento, della povertà, della
    migrazione; ad annunciare Speranza a chi l’ha perduta.
    • La quarta è che la Carità comporta la responsabilità di mettersi dalla parte del povero, gridare in
    suo nome, promuovere azioni di giustizia sociale che diano a tutti le medesime opportunità e
    chiedano a tutti responsabilità. È un richiamo a recuperare una dimensione «politica», nel senso
    più alto dell’espressione: la Chiesa ha davanti a sé il modello della Gerusalemme celeste, in cui non
    esistono emarginati e afflitti, dimenticati e soli.
    • La quinta indicazione riguarda infine l’annuncio della Carità sperimentata. Il Bene che ogni giorno
    vien fatto va comunicato, messo in circolo, testimoniato, perché la Carità chiede di essere
    annunciata, promossa, contagiata. In tal modo si potrà essere testimoni di Speranza cristiana. Le
    nostre comunità, dove troppo spesso circolano brutte notizie e pettegolezzi, devono – oggi più che
    mai – crescere in questo aspetto: parlare del Bene, testimoniare le emozioni che il servizio degli
    ultimi ci offre. La pandemia, come scrive Papa Francesco, ci ha aiutati a maturare “l’esigenza di una nuova
    fraternità, capace di aiuto reciproco e di una stima vicendevole”. Si è dunque aperto il tempo di una nuova
    fraternità, fondata sulla relazione, l’incontro e la fiducia. […]«Tendi la mano al povero», dunque, è un invito
    alla responsabilità come impegno diretto di chiunque si sente partecipe della stessa sorte. È un incitamento
    a farsi carico dei pesi dei più deboli”.
    Auguro a tutti noi di vivere in pienezza questa 4ª Giornata Mondiale dei Poveri, perché possa
    realmente aprire a ciascuno di noi e alle nostre Comunità la strada verso una maggior consapevolezza
    cristiana. Alle Caritas parrocchiali rivolgo la preghiera di farsi promotrici, insieme ai loro Parroci, di proposte
    pastorali mirate alla sensibilizzazione delle Comunità, all’inclusione sociale di quanti vivono l’esperienza
    della marginalità sociale o alla creazione di un’Opera che sia segno e testimonianza permanente di una
    Chiesa che tende la sua mano al povero.

    Vi chiedo di condividere le vostre iniziative con noi, inviando info e foto a:
    segreteriacaritas@diocesidibenevento.it

    don Nicola De Blasio
    Direttore Caritas

    VI RICORDO CHE VENERDÌ 13 NOVEMBRE 2020 ALLE ORE 16:30 PRESSO IL SALONE “LEONE XIII” NEL PALAZZO
    ARCIVESCOVILE, SARÀ PRESENTATO IL NOSTRO DOSSIER ANNUALE SULLE POVERTÀ E L’ESCLUSIONE SOCIALE DAL TITOLO:
    “UMANITÀ AL BIVIO: L’EMERGENZA CHE DIVIDE, LA FRATERNITÀ CHE UNISCE”
    A SEGUITO DELLE DISPOSIZIONI MINISTERIALI PER IL CONTENIMENTO DEL COVID-19, L’EVENTO SARÀ IN PRESENZA
    ESCLUSIVAMENTE PER I GIORNALISTI E TRASMESSO IN DIRETTA SUL CANALE 98 DEL DIGITALE TERRESTE DELLA EMITTENTE
    DIOCESANA TSTV E IN STREAMING SULLE PAGINE FACEBOOK DELLA DIOCESI E DELLA CARITAS DI BENEVENTO.

    Nella seconda settimana di Dicembre organizzeremo la distribuzione del
    4ª PANIERE ALIMENTARE COVID-19
    chi vuole sostenere questa iniziativa diocesana può contribuire inviando le offerte con le seguenti modalità:
    − pro manibus: presso l’ufficio Economato della Curia o direttamente in Caritas presso la Cittadella
    della Carità “Evangelii gaudium” in Via San Pasquale, 11;
    − Bonifico Bancario sul conto corrente di BANCA ETICA intestato a:
    ARCIDIOCESI DI BENEVENTO – CARITAS
    Causale: “4° Paniere alimentare COVID-19”

    IBAN: IT89 Q 0501 8034 0000 0011 602885

    lettera 4 giornata poveri